Storia

In un angolo di campagna veneta reso quasi fiabesco dal gioco irregolare delle colline e dal percorso di vivaci corsi d’acqua, in un paese che riprende nel nome la cima montuosa più nobile ed elevata, Borso Del Grappa, è insediata da un tempo oramai considerevole Bosa, un laboratorio ceramico conosciuto in tutto il mondo. Non è un caso se in quest’area del Veneto pedemontano confluiscono la grande tradizione della ceramica bassanese, lo spirito veneziano di cultura cosmopolita e l’attenzione pionieristica all’innovazione asolana.

È nel 1976 che Italo Bosa avvia la propria produzione ceramica seguendo le antiche tecniche di lavorazione per oggetti realizzati interamente a mano, valorizzati da una ricca palette cromatica, decorati con metalli preziosi -oro, platino, rame- e smalti dalle tonalità esclusive creati dall’azienda. Tecniche precise che sono ancora oggi alla base della produzione di Bosa e che conferiscono agli oggetti unicità, qualità e riconoscibilità.

Gli oggetti e i complementi d’arredo in ceramica creati nella maison Bosa, oltre ad esprimere tutta la conoscenza del mestiere artigiano, trasmettono quell’incessante sperimentazione delle possibilità della ceramica che ha tra gli obiettivi la trasformazione di consuetudini formali e funzionali in nuove interpretazioni, nuove funzioni e mondi fantastici, missione che Italo Bosa ha saputo trasferire alle figlie Francesca e Daniela, alla moglie e a tutti i propri collaboratori.

Ciò che contraddistingue Bosa, facendone un’azienda leader nell’ambito della ceramica di design in Italia e nel mondo, è proprio l’aver fatto della ricerca e dell’innovazione i punti di forza dell’azienda, tanto da riuscire a realizzare progetti quasi impossibili per la difficoltà degli stampi e le dimensioni over, che evidenziano la speciale propensione del fondatore a condividere avventure progettuali con i designer, per lo più giovani di provenienze europee, sperimentatori di linguaggi nuovi, che hanno contribuito a definire l’elevato posizionamento del marchio Bosa.

Dall’iniziale collaborazione con Marco Zanuso Jr. e il consolidato rapporto con lo studio Palomba-Serafini, Bosa ha stretto amichevoli relazioni professionali con Satyendra Pakhalé, Patricia Urquiola, Marco Morosini, Manolo Bossi, Gualtiero Sacchi, Sam Baron, Luca Nichetto e un particolare feeling con Jaime Hayon, ideatore di tanti gioiosi universi. Altrettanto importanti sono da considerare le collaborazioni con aziende leader quali Minotti, Moroso, B&B Italia, Baccarat e le forniture personalizzate per Ferrari, Escada, DeBeers e altri ancora.

Bosa è attualmente presente in più di 50 nazioni del mondo, non solo per la sua reputazione, l’immagine del marchio e l’identità dei prodotti, ma anche grazie all’attuazione di una politica di marketing puntuale che consente all’azienda di presidiare diverse nicchie di mercato con un’ampia gamma. La distribuzione così capillarmente risolta si beneficia altresì della presenza sostanziosa di opere di art design nei musei internazionali più prestigiosi, attraverso mostre tematiche, esposizioni temporanee e bookshop che restituiscono all’azienda una continua e benefica visibilità.

Lavorazioni

Collaggio e ritocco

Tutti gli oggetti della collezione Bosa sono realizzati interamente a mano secondo le antiche tecniche della lavorazione della ceramica. Gli stampi utilizzati sono in gesso per permettere il controllo formale e minuzioso del progetto. Una volta separato il pezzo dallo stampo, l’oggetto viene pulito e rifinito a mano, curandone tutti i minimi dettagli, e quando sarà asciutto potrà essere cotto in forno.

Cottura

Terminata la fase di essiccazione, il pezzo sarà infornato per la prima cottura ottenendo il biscotto. Successivamente si avranno diverse cotture per la vetrificazione dello smalto e per il ritocco delle imperfezioni fino al raggiungimento della massima qualità del prodotto. Gli oggetti decorati con oro, platino o rame, vengono ulteriormente cotti a fuoco dopo la vetrificazione, per fondere il metallo prezioso allo smalto.

Smaltatura

Gli smalti, che permettono la vetrificazione dell’oggetto, sono miscelati e composti all’interno del nostro laboratorio ed è per questo che la gamma colori è esclusività di Bosa. Ogni pezzo, dopo la prima cottura, viene immerso in vasche contenenti lo smalto liquido e successivamente sarà ripulito da eventuali gocce o imperfezioni. Lo smalto non viene applicato sulla base dell’oggetto per evitare la sua fusione con le piastre del forno.

Decorazioni

Le decorazioni sono eseguite a pennello da maestri di massima precisione ed esperienza. I metalli nobili e preziosi quali oro, platino, rame e le loro gamme, applicati con il pennello, fondono assieme allo smalto durante il processo di cottura che, portata a 720°, garantisce l’autenticità del materiale e la sua durata nel tempo.

Colori

Tutti i prodotti del catalogo possono essere richiesti con le tonalità presenti nella scheda colori, il tono esatto dello smalto va però verificato con il campionario colori in ceramica. Nei diversi oggetti la stessa tonalità potrà riportare piccole differenze di intensità del colore, soprattutto legate a forme e volumi differenti o dovute a variazioni minime della temperatura di cottura. Sono queste diverse caratteristiche che rendono unico ogni pezzo.

Contatti

Sede centrale

Via Molini, 44 - 31030 Borso del Grappa TREVISO - IT

P.IVA IT 03935610265 | Cap. Soc. € 95.000,00 iv Cod.Mecc TV051391 | REA 309893
Tel +39 0423 561483 / Fax +39 0423 542200

Richiedi informazioni

* Campi obbligatori